Lo sapevi che intorno alla metà degli anni ‘90 un nuovo materiale destinato alla costruzione degli utensili rotanti è diventato popolare grazie alle sue caratteristiche tecnologiche, oltre che economiche?

Si trattava di una nuova generazione di acciai super-rapidi realizzati mediante la metallurgia delle polveri. In questo caso, la materia prima che veniva utilizzata era a base di componenti ferrosi anziché di carburo di tungsteno.

In quel periodo si stava sviluppando in maniera importante la produzione di utensili in metallo duro rotanti, quali frese, punte e maschi. Dato che all’epoca si era ancora all’inizio della produzione i prezzi degli utensili in metallo duro erano molto elevati (in special modo nei diametri grandi), e in alcuni casi perfino proibitivi per alcuni utilizzatori.

Non solo, non di rado capitava che le aziende non fossero ancora dotate di macchinari moderni che assicurassero le velocità adeguate e la giusta stabilità per l’impiego di questi nuovi utensili in metallo duro. Di conseguenza, spesso eventi spiacevoli erano in agguato per l’utilizzatore, a causa di rotture improvvise e premature dell’utensile adoperato, che al contempo gli era costato moltissimo.

In soccorso a questa situazione giunse la ricerca e la sperimentazione dei costruttori di utensili, che fecero sì che prendessero piede utensili realizzati partendo da cilindretti di acciai sinterizzati ottenuti mediante il processo della metallurgia delle polveri.

Questi tipi di acciai super-rapidi sinterizzati conosciuti anche sotto la sigla di PM (powder metal), hanno la caratteristica di avere un costo minore (soprattutto su diametri grandi), rispetto a quelli in metallo duro.

Inoltre, presentano una struttura con una buona resistenza all’usura e soprattutto un’elevata tenacia alle sollecitazioni.

Quest’ultima proprietà rende interessante l’utilizzo di frese, punte e maschi in acciaio sinterizzato (Pm) ancora oggi, in particolare per quelle realtà produttive dove al loro interno sono presenti macchine utensili che non posseggono velocità idonee per l’impiego del metallo duro, e soprattutto per situazioni dove non vi è una buona stabilità nelle operazioni di taglio.

Frese e maschi realizzati da cilindretti prodotti con polveri di acciaio sinterizzate (PM)

E… se vuoi approfondire l’argomento e saperne di più,
non esitare a chiamare il nostro n. verde 800204050
oppure scrivere ad assistenza@tsidirect.it